Tempeste solari

Una tempesta solare (o tempesta geomagnetica) è un disturbo temporaneo della magnetosfera terrestre causato dall’attività solare. Durante una tempesta solare vengono prodotte dal Sole notevoli emissioni di materia dalla sua corona solare che generano un vento solare forte, le cui particelle ad alta energia vanno a colpire il campo magnetico terrestre dalle 24 alle 36 ore successive all’emissione di massa coronale.
Ciò accade soltanto qualora le particelle del vento solare viaggino in direzione della Terra. La pressione del vento solare cambia in funzione dell’attività solare e tali cambiamenti modificano le correnti elettriche presenti nella ionosfera. Le tempeste magnetiche generalmente durano dalle 24 alle 48 ore, anche se alcune possono durare per diversi giorni.

L’attività solare permette e influenza significativamente la vita sul nostro Pianeta: clima, umore, il livello delle acque dei laghi, la crescita degli alberi e deposito di minerali al suolo.
Una tempesta solare che si scontra con il campo magnetico terrestre causa una scossa nel campo stesso. Quando tale scossa è molto potente si genera una tempesta geomagnetica. Nel 1958 se ne è registrata una di tale portata da illuminare latitudini meridionali con aurore boreali.

Un’analisi del fisico David Hathaway del Marshal Space Flight Center, analisi confermata dal professor Mausumi Dikpati del National Center for Atmospheric Research di Boulder, in Colorado, afferma che il ciclo numero 24 delle macchie solari, potrebbe raggiungere il suo picco proprio nel 2012.

Sami Solanki, dell’Istituto Max Planck per la ricerca sul sistema solare, ha dichiarato che attualmente il Sole è più attivo degli ultimi 11 mila anni.

Recentemente (settembre 2009) , la NASA ha comunicato un’insolita riduzione di macchie solari. Gli scienziati infatti avevano determinato che il ciclo numero 24 avrebbe raggiunto il suo picco nel 2012. A questa apparente buona notizia però ne fanno eco altre due.
La prima degli scienziati Bill Livingston e Matt Penn del National Solar Observatory di Tucson, che dimostrano che da alcuni decenni a questa parte i campi magnetici delle macchie solari si stanno notevolmente indebolendo. L’ipotesi è che a seguito di ciò, possa accadere nuovamente il “Minimo di Maunder” avvenuto tra il 1645 e il 1715 e che, secondo ipotesi attendibili, diede vita, proprio per la rarità delle macchie solari, ad una “Piccola Era Glaciale” avvenuta in Europa e in Nord America.
Contemporaneamente a mitigare il sollievo per la riduzioni di tali macchie, Sarah Gibson del Center’s High Altitude Observatory afferma: “Il vento solare può colpire la Terra come un getto di fuoco anche quando di fatto non ci sono macchie sulla superfice”.

Facciamo riferimento ad alcuni link sull’argomento, postati sul nostro sito:

Sole anomalo, 18/9/09:

http://www.repubblica.it/2009/08/sezioni/scienze/sole-anomalo/sole-anomalo/sole-anomalo.html?ref=search

Il Sole può colpire la Terra anche in caso di quiete, 18/9/09:

http://it.reuters.com/article/entertainmentNews/idITMIE58H0GK20090918

Il vento solare “soffia” imprevisto, 21/9/09:

http://www.corriere.it/scienze_e_tecnologie/09_settembre_21/vento-solare-timori-telecomunicazioni_90d8d276-a699-11de-8d5f-00144f02aabc.shtml

Questi argomenti sono a nostro avviso tra gli aspetti che, pur non avendo il peso dei cambiamenti climatici, si aggiungono ai potenziali rischi . Leggendo gli articoli e gli stralci dei report degli scienziati, si capisce bene che sono solo ipotesi molto meno marcate dei cambiamenti climatici in corso. Il fatto di doversi “confrontare” con una stella come il Sole che continua a stupire per le sue attività però, non può non lasciare spazio a riflessioni e a punti interrogativi, che vanno ben al di là di qualche “sbarellamento” mentale dato dagli influssi delle attività solari sulla  mente umana.


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: